Site icon

Il giornalismo pagante: le nuove frontiere del giornalismo online.

Cosa sta succedendo al mondo dell’editoria online? In cosa consiste il giornalismo pagante? La settimana scorsa, il New York Times paga più di mezzo miliardo di dollari per una start-up di notizie sportive. Azienda fondata solo cinque anni fa. Il giornale ha anche perso uno dei suoi editorialisti più famosi, Ben Smith, che sta inseguendo la strada verso l’autoimprenditorialità.

Questa strategia è simbolica nell’era dei media digitali. Un settore contraddistinto sempre da sogni infranti e da pessimismo. Oggi, invece, una nuova ondata di speranze sta alimentando quello che secondo alcuni dirigenti è il periodo di cambiamento più significativo degli ultimi anni. Anche giipsy ci spera. Vi piace un giipsy a pagamento?

Douglas McCabe, analista di Enders afferma: “Siamo entrati in una frenetica fase di innovazione dei media, sia dall’interno di aziende consolidate che da start-up.”

La nuova generazione di start-up dei media

Questa generazione di start-up differisce dagli ossessionati delle views delle pagine della metà degli anni 2010. Questi offrono ai lettori storie gratuitamente per raggiungere un vasto pubblico. Invece, queste nuove start-up credono nel giornalismo pagante. Inoltre, grazie ai social media, i singoli scrittori possano instaurare relazioni con i propri lettori. Le stesse relazioni che gli influencer dei social media instaurano con i follower. Associazione Evolutiva di grande impatto nel mondo dei media.

Internet ha eroso modelli di business per anni. Alla luce di ciò, molti dirigenti, scrittori e osservatori dibattono su quale sarà il futuro del giornalismo. I venture capitalist guidano un boom di innovazione sin dal 2014 fino alla fine del 2016. In questo boom gli investitori della Silicon Valley versano centinaia di milioni di dollari in start-up di media online a valutazioni schiumose.

Il giornalismo pagante

BuzzFeed: un altro boom?

BuzzFeed, che ha avuto un successo virale con i video acrobatici, come l’esplosione di un cocomero con elastici, è stato valutato fino a $ 1,7 miliardi nel 2016. In questo caso, la bolla scoppia quando Facebook e Google prendono il controllo del mercato pubblicitario online danneggiando piattaforme editoriali come BuzzFeed e Vice.

Axios, una start-up fondata da ex giornalisti di Politico, è stata recentemente valutata 430 milioni di dollari in una raccolta fondi, circa cinque volte le sue entrate annuali. L’editore tedesco Axel Springer l’anno scorso ha acquisito Politico per 1 miliardo di dollari, anch’esso circa cinque volte il suo fatturato annuo.

Alcuni giornalisti di Politico (fondato da ex giornalisti del Washington Post) lo scorso anno lasciano il lavoro per formare Punchbowl News, addebitando ai lettori $ 300 all’anno per informazioni sulle “persone a Washington che prendono le decisioni”.

Giornalismo pagante: cosa accade in USA

Giornalisti influenti, tra cui Bari Weiss e Andrew Sullivan, lasciano il loro lavoro presso i principali media per Substack, una piattaforma in cui possono autopubblicare e addebitare ai lettori una tariffa per l’accesso alle loro newsletter. I primi 10 scrittori su Substack messi insieme guadagnano più di 20 milioni di dollari all’anno, molto al di sopra degli stipendi tradizionali delle redazioni.

Ma nel complesso c’è molto meno denaro che fluisce nei media digitali rispetto agli anni 2010. Il capitale di rischio lo scorso anno ha investito 115 milioni di dollari nei media digitali, un decimo degli 1,1 miliardi di dollari finanziati nel 2015, secondo i dati di PitchBook.

Eppure, Justin Smith, ex amministratore delegato di Bloomberg Media, che sta avviando una società con Ben Smith, ha detto al FT di essere stato “inondato di interesse” da parte degli investitori questa settimana. Ha rifiutato di nominare nessuno di loro e sta finanziando lui stesso l’operazione, ma ha parlato dell’opportunità.

In Italia, Corriere della Sera e Sole 24 ore offrono pochi articoli gratuiti al mese online. Il resto si paga. In particolare, il Sole 24 ore ha una versione premium del giornale. Si chiama 24 plus e offre argomenti, inchieste più approfonditi con dettagli inediti.

Il giornalismo pagante: la prima piattaforma ad aprire le porte

Netflix è stato il vero pioniere che ha identificato questo pubblico nello spazio dei contenuti. Questo pubblico, condividono tutti un interesse comune per il grande intrattenimento. Questo è il modo migliore per spiegare il pubblico che vediamo. È quasi come lanciare un marchio di notizie planetarie. Cosa che in realtà non è stata fatta ancora secondo Justin Smith.

È troppo presto per dire quanto spazio c’è per tutti questi abbonamenti nei budget dei consumatori. Un abbonamento online a The Information costa $39 al mese. Costa più di quanto costerebbero gli abbonamenti ai servizi streaming di Netflix e Disney Plus messi insieme. Sebbene il servizio sia rivolto a chi ha portafogli più grandi. Tuttavia, l’editoria di notizie rimane un settore in contrazione e anche storie di successo come The Athletic perdendono denaro.

Secondo le parole di Lessin:

E’ ancora difficile costruire un’organizzazione giornalistica. Non è un affare per deboli di cuore.

Giuseppe Foti

Fonte: The Financial Times

Exit mobile version