Eni in borsaEni in borsa

In questo nuovo contenuto inauguriamo l’ingresso di una nuova azienda, che sarà oggetto di analisi dal punto finanziario. Parliamo di Eni in borsa, il colosso italiano dell’energia.  In particolare, parleremo dei dati trimestrali del 2024, i guadagni e la produzione e della nuova fusione che vede protagonista tale realtà italiana. Procediamo con ordine. Intanto, benvenuti su giipsy blog, l’informazione creativa in un click.

Eni: i dati sulle trimestrali e sulla produzione.

Ecco cosa c’è di nuovo nel mondo degli affari! ENI, il gigante del petrolio, ha concluso il primo trimestre del 2024 con una mossa interessante. Anche se i ricavi sono scesi del 16% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, raggiungendo 22,94 miliardi di euro, c’è un aumento nella produzione di idrocarburi.

Questo trimestre ha visto un aumento significativo, con una produzione giornaliera di 1,74 milioni di barili equivalente di petrolio al giorno, rispetto ai 1,66 milioni dello scorso anno. Le cifre non mentono, ma ci sono sempre nuove opportunità di esplorare e innovare nel settore energetico.

Altri dati finanziari di Eni.

Ecco un aggiornamento sulle prospettive di ENI per il 2024! Nonostante un aumento dell’indebitamento netto a fine marzo, raggiungendo i 18,3 miliardi di euro, con leva finanziaria pari allo 0,33%. Tuttavia, c’è un lato positivo. La generazione di cassa operativa nel trimestre è stata di 1,9 miliardi di euro, con investimenti organici pari a 1,99 miliardi.

I vertici di ENI sono ottimisti per il futuro. Le stime finanziarie per il 2024 indicano un aumento delle previsioni annuali di EBIT proforma adjusted e di flusso di cassa adjusted, riviste al rialzo a oltre 14 miliardi di euro. La produzione di idrocarburi nel 2024 è confermata tra gli 1,69 e gli 1,71 milioni di boe/giorno, mentre gli investimenti organici sono attesi a circa 9 miliardi di euro.

Eni in borsa: la sua politica dei dividendi.

Per quanto riguarda i dividendi, c’è una buona notizia per gli azionisti e per Eni in borsa. Il piano di acquisto di azioni proprie è previsto in aumento a 1,6 miliardi di euro, con un incremento del 45% rispetto al precedente. Questa mossa è in linea con la politica di remunerazione che prevede un 30-35% del flusso di cassa da attività operativa attraverso dividendi e buyback.

Eni in borsa
Eni

L’assemblea degli azionisti, prevista per il 15 maggio 2024, approverà anche il dividendo 2025 di un euro per azione, rappresentando un aumento del 6% rispetto al 2023, con pagamento in quattro tranche a partire da settembre 2024. Un futuro promettente per ENI e i suoi investitori!

La fusione con Ithaca Energy.

Eni ha siglato un accordo con Ithaca Energy per una fusion business nell’upstream nel Regno Unito. Questo accordo combina la quasi totalità degli asset di esplorazione e produzione di Eni nel Regno Unito con quelli di Ithaca Energy, simile alle operazioni avvenute in Norvegia e in Angola. Eni riceverà una quota del 38,5% delle azioni di Ithaca, diventando un azionista strategico e di lungo termine. L’operazione, del valore di 940 milioni di euro, sarà effettiva dal 30 giugno 2024, con chiusura prevista nel trimestre successivo.

Questa fusione crea un gruppo con una produzione giornaliera superiore ai 100.000 barili equivalenti di petrolio al giorno nel 2024, con un potenziale di crescita fino a 150.000 barili al giorno dal 2030. Claudio Descalzi, CEO di Eni, ha commentato che questa operazione consente una crescita efficiente nell’upstream, massimizzando il valore degli asset e consolidando la presenza nel Regno Unito, area con notevoli opportunità di crescita.

Note finali per Eni in borsa.

In conclusione, Eni in borsa si prospetta come un’azienda con una solida base per la crescita futura. L’implementazione di strategie come la fusion business con Ithaca Energy e il continuo impegno nel consolidamento delle operazioni nell’upstream favoriscono ciò.Tuttavia, il valore del titolo in borsa dipenderà da una serie di variabili, tra cui l’andamento dei mercati energetici, le performance operative e l’efficacia nell’esecuzione delle strategie delineate.

Inoltre, è importante tenere presente che le trimestrali possono fungere da leva d’incertezza sui movimenti del valore di Eni in borsa. Le prestazioni finanziarie trimestrali e le prospettive future comunicate dalla dirigenza, influenzeranno la percezione degli investitori sull’andamento dell’azienda. Queste potrebbero riflettersi sui movimenti del prezzo delle azioni nel breve termine.

Di giipsy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright© 2023