Modelli Porsche 911 negli anniModelli Porsche 911 negli anni

Tanti sono i modelli Porsche 911 prodotti negli anni. Abbiamo già scritto su Porsche come opportunità di investimento. Oggi sulle pagine di Giipsy ci immergeremo nell’affascinante mondo dei modelli Porsche 911 negli anni. Periodo che va dal 1963 fino a oggi, arco di tempo in cui si sono susseguiti 11 generazioni di modelli.

Noi per semplificare riassumeremo tutti questi anni in 7 generazioni di Porsche. Nel corso di questo periodo, il design è rimasto sorprendentemente simile, con l’ultima generazione 992 che conserva inequivocabilmente l’essenza della 911.

La 911 è molto più di una semplice auto sportiva; è un’icona che ha resistito al passare del tempo con eleganza e stile. Con quasi sei decenni di produzione continua, la sua silhouette riconoscibile è diventata un simbolo di prestazioni e design senza tempo.

Sebbene il design esterno abbia mantenuto la sua essenza distintiva, sotto il cofano e nell’abitacolo, la 911 ha attraversato un’evoluzione tecnologica sorprendente. Dalla disposizione dei sedili 2+2 al motore flat-six montato posteriormente, ogni modello ha portato innovazioni e miglioramenti che hanno contribuito a definire il carattere unico della 911.

Modelli Porsche 911 negli anni 1963-1989.

La leggendaria auto sportiva nacque nel 1963. Originariamente concepita come una versione più grande e raffinata della Porsche 356, il primo modello di produzione della casa automobilistica. Inizialmente chiamata 901. Poi, Porsche fu costretta a cambiare la designazione in 911. Perché? La Peugeot minacciò di intentare una causa legale. Essa sosteneva di possedere i diritti d’autore su nomi di auto composti da un numero a tre cifre con uno zero al centro. I motori posteriori raffreddati ad aria suscitarono numerose comparazioni con la VW Beetle, che perdurano ancora oggi.

La classica 911 presentava una gamma di motori flat-six con diverse cilindrate e potenze, culminando nella Carrera RS 2.7 del 1972, il cui spoiler posteriore a “coda d’anatra” fu un’innovazione mondiale su veicoli di produzione, secondo Porsche. La 911 montava una sospensione anteriore a bracci trasversali di tipo MacPherson e un retrotreno a bracci oscillanti semi-indipendenti, con barre di torsione su entrambi i lati.

Generazione Porsche 1963-1989

Durante le curve, la ruota esterna pesantemente carica nel retrotreno a bracci oscillanti aveva la tendenza a divergere in decelerazione. Questo significava essenzialmente che l’asse posteriore voleva descrivere un raggio di curva più ampio rispetto a quello anteriore. Il risultato era un temibile comportamento sovrasterzante in uscita di curva, difficile da correggere e che affliggeva le prime vetture.

Nonostante le sfide iniziali, i modelli Porsche 911 negli anni continuano a evolversi, superando ostacoli e diventando una pietra miliare nell’universo delle auto sportive.

La 911 del 1973.

La prima revisione importante della 911 avvenne nel 1973, dieci anni dopo la sua creazione. La cosiddetta serie G, come era nota internamente, è spesso considerata una generazione a sé stante dei modelli Porsche 911 negli anni, anche se non ha ottenuto una designazione di modello separata come le generazioni successive. Presentava paraurti prominenti per soddisfare gli standard di sicurezza americani, nonché cinture di sicurezza a tre punti e poggiatesta integrati come dotazione standard.

Il turbo debuttò nel 1975 con la 911 Turbo, soprannominata 930. La potenza proveniva da un motore da 3,0 litri, sovralimentato da un singolo turbocompressore non intercooler, collegato a un cambio manuale a quattro velocità. La caratteristica forma della carrozzeria includeva larghi passaruota per ospitare pneumatici più larghi e uno spoiler posteriore distintivo e imponente noto come “whale tail” (coda di balena). Porsche introdusse il raffreddamento intercooler nel 1978 per il modello 930, aumentando contemporaneamente la cilindrata del motore a 3,3 litri per ridurre il ritardo del turbo. L’intercooler montato superiormente richiese una sezione posteriore alare rialzata, divenuta nota come “tea tray” (vassoio da tè).

modelli Porsche 911 negli anni

L’alta potenza trasmessa alle ruote posteriori, combinata con l’indole propensa al sovrasterzo della generazione, guadagnò alla 930 Turbo l’infamante soprannome di “widow-maker” (fabbricante di vedove). Nel 1989, l’anno precedente all’arrivo della generazione successiva, venne dotata di un cambio a cinque marce.

Modelli Porsche negli anni 1989-1993

Nonostante lo stile rimanesse simile, il modello 964 rappresentò la prima revisione significativa della 911 dal punto di vista meccanico. Fino all’85% dei componenti era completamente nuovo. Debuttò con la Carrera 4 a trazione integrale, seguita sei mesi dopo dalla Carrera 2 a trazione posteriore. Le barre di torsione anteriori non lasciavano spazio per i nuovi semiassi, costringendo l’auto a passare agli ammortizzatori a molla sia all’anteriore che al posteriore.

Forse il cambiamento più significativo riguarda la sospensione posteriore. Porsche cercò di correggere l’innata tendenza della vettura al sovrasterzo in fase di decelerazione aggiungendo un collegamento con boccole deformabili che invertivano la tendenza della ruota esterna a divergere, creando la cosiddetta “Weissach-effect” sull’asse posteriore. L’ala posteriore si estende automaticamente a velocità sostenuta, contribuendo all’aspetto pulito della vettura quando ferma. L’ABS fa la sua prima comparsa come dotazione standard, così come airbag e servosterzo.

porsche 992.2

La 911 del 1994 fino al 1997.

La versione 993 fece il suo debutto nel 1993. Considerata da molti la generazione più bella della 911, la 993 si appoggia a un nuovo telaio in alluminio. Scompare il tanto criticato retrotreno a bracci oscillanti semi-indipendenti, sostituito da un design multilink più moderno. Nei modelli aspirati naturalmente, fu introdotto il Varioram, la versione di Porsche dei collettori di aspirazione a lunghezza variabile, uno dei primi del suo genere su vetture di serie.

Questi ottimizzano il flusso verso le valvole a seconda del numero di giri del motore, contribuendo alla produzione di potenza sia agli estremi bassi che alti dell’intervallo di giri. La versione Turbo presenta un layout parallelo a doppio turbocompressore, con i gas di scarico di ciascuna bancata di tre cilindri che alimentano il proprio turbocompressore. Un’altra innovazione mondiale della Turbo a trazione integrale, secondo Porsche, sono le ruote in alluminio a razze cave. Tra i modelli Porsche 911 negli anni questa è stata l’ultima generazione a montare motori raffreddati ad aria, che erano stati una costante della 911 fino a quel punto.

Porsche del 1994
Porsche 911 del 1994

La generazione 911 dal 1998 al 2004.

La generazione 996 è un po’ l’anatroccolo brutto della famiglia 911. I puristi più accaniti non erano felici del passaggio ai motori raffreddati a liquido, e il programma esteso di condivisione di componenti con il suo fratellino più piccolo, il Boxster, ha portato a dei fari un po’ goffi e cadenti.

Immagina la protesta se avesse fatto il passo verso un motore V-8. Anche il passaggio al raffreddamento ad acqua non è stato privo di intoppi, con i motori M96 e successivi M97 che hanno dovuto affrontare problemi come il cedimento del cuscinetto dell’albero intermedio, perdite di guarnizione del coperchio posteriore e crepe nei cilindri. Porsche era consapevole di ciò, specialmente dopo diverse cause legali.

Tuttavia, c’è anche un lato positivo: il motore “Mezger” che equipaggiava i modelli GT3, GT2 e Turbo ha guadagnato uno status leggendario per la sua costruzione quasi indistruttibile e il pedigree derivato dalle corse. La versione GT2 focalizzata sulla pista del 2000 è stata la prima auto di produzione a montare di serie freni in ceramica al carbonio.

I modelli Porsche 911 negli anni dal 2005 al 2011.

Gli occhi ellittici dei fari fecero un rapido ritorno sulla 911 con la generazione 997, in risposta alle critiche ricevute dalla generazione precedente. Altre migliorie giunsero sotto forma di iniezione diretta del carburante e della famigerata trasmissione a doppia frizione PDK (Porsche-Doppelkupplungsgetriebe). La 911 Turbo del 2006 presentava la geometria variabile della turbina.

Già ampiamente utilizzato nei motori diesel dell’epoca, il sistema rappresentava una novità assoluta per i motori a benzina di produzione. Gli ingegneri lavorarono duramente per ridurre al minimo i problemi legati alle temperature di scarico più elevate della benzina, come la resistenza dei materiali e i problemi di gioco dovuti all’espansione termica.

Porsche 911 del 2008

Una serie di palette nei corpi delle turbine cambiavano angolazione elettronicamente in tempo reale, garantendo un flusso ottimale dei gas di scarico verso le pale della turbina a diverse velocità del motore. Ciò si traduce in una turbina più rapida nel raggiungere la velocità massima e in una curva di coppia più ampia rispetto al design tradizionale dei turbocompressori.

La 991: La generazione 911 dal 2012 al 2018.

La generazione 991 fece il suo ingresso nel 2011 e, qualche anno dopo, Porsche vendette la milionesima 911. La tradizione ormai consolidata di accusare l’ultimo modello della 911 di “perdere il suo carattere” non venne evitata, con i critici che criticavano la ridotta sensazione di guida dovuta alla nuova servosterzo elettrica. Controversa fu anche la decisione di includere i turbocompressori nei modelli Carrera di base.

Con la tendenza alla riduzione delle dimensioni e alla sovralimentazione imposta dai produttori, Porsche non fece eccezione, e i motori aspirati naturalmente furono riservati per le versioni più sportive come le GT3. Fece la sua prima apparizione anche un cambio manuale a sette marce. Un sistema di sterzo attivo alle ruote posteriori è anch’esso disponibile come optional. Inizialmente, le ruote posteriori girano nella direzione opposta rispetto alle ruote anteriori, migliorando l’agilità a basse velocità. A velocità più elevate, girano in sincronia con le ruote anteriori, aumentando così la stabilità.

Porsche 991 del 2017

La 992: dal 2019 fino a oggi.

Tra i modelli Porsche 911 negli anni procediamo verso i giorni più recenti e vicino a noi. Con il nome in codice 992, l’auto rappresenta un passo evolutivo rispetto al suo predecessore, piuttosto che una rivoluzione. Attualmente, sono in vendita ben 26 versioni, tra cui quattro modelli Targa, tre GT3, una Sport Classic e una Dakar edition. La 911 continua a crescere sempre di più, offrendo una maggiore efficienza nei consumi, più potenza e tempi sul giro al Nürburgring più veloci che mai.

La Porsche 911 ha attraversato decenni di evoluzione mantenendo saldamente la sua identità e il suo prestigio nel mondo delle auto sportive. Ogni generazione ha portato miglioramenti, innovazioni e sfide, ma la 911 ha sempre saputo adattarsi ai tempi senza compromettere la sua essenza. L’attuale generazione, la 992, rappresenta un passo evolutivo con il suo imminente aggiornamento “.2”.

Considerazioni finali.

Sebbene forse non sia altrettanto innovativa dal punto di vista tecnologico rispetto ad altre generazioni in questa lista, la Porsche 992.2 rimane un degno portabandiera del nome 911. Un nome che, senza dubbio, continuerà a essere sinonimo di prestazioni e divertimento di guida per gli anni a venire.

Il futuro della 911 si prospetta affascinante con l’introduzione prevista di un gruppo propulsore ibrido, segnando un importante passo verso la sostenibilità elettrica. Sebbene possano sorgere preoccupazioni riguardo ai cambiamenti nella guida e nelle prestazioni, Porsche ha assicurato che la dinamica di guida amata rimarrà intatta. La 911 continuerà a essere una pietra miliare nel mondo delle auto sportive, dimostrando che la tradizione può convivere con l’innovazione in un settore in rapida evoluzione.

Porsche 992.2 2024

In un panorama automobilistico dominato da cambiamenti epocali verso veicoli più ecologici, la Porsche 911 si candida a svolgere un ruolo importante nell’affermare che le auto a benzina possono ancora giocare un ruolo significativo, specialmente con l’accento di Porsche sugli eFuels. Il marchio sta adattando la sua iconica sportiva alle sfide del futuro, mantenendo la passione per la guida sportiva e la performance senza compromessi. La 911, con la sua storia gloriosa, rimane un faro nel panorama delle auto sportive, testimoniando la persistenza della bellezza e della potenza nell’era della mobilità sostenibile.

Di giipsy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright© 2023