Quantitative TighteningQuantitative Tightening

Home » economia » Quantitative Tightening: Rischi e Opportunità nell’Evoluzione della Politica Monetaria.

Qui abbiamo parlato del QE di Mario Draghi del 2011 e degli effetti negativi sull’eurozona. Effetti legati al comportamento delle banche, moral hazard e aumento degli NPL con conseguente peggioramento dei bilanci delle banche centrali. Oggi parleremo di stretta monetaria e in particolare di Quantitative Tightening.

Sono trascorsi più di 10 anni dell’adozione di questo strumento monetario. Oggi sia BCE sia FED hanno deciso di aumentare i tassi d’interesse. Decisione che confluisce in una stretta monetaria. Quindi l’opposto del QE. Di questo aspetto ne avevamo parlato qui. Oggi vedremo quali sono i rischi di un quantitative Tightening. Perché si è reso necessario adottare un QE alla rovescia. Perché va bene e perché può essere un male in caso di guerra. Intanto benvenuti su giipsy.

L’Aumento dei Tassi d’Interesse: Una Svolta nella Politica Monetaria.

Questa decisione, diametralmente opposta al QE, segna un cambiamento significativo nel modo in cui le banche centrali gestiscono la politica monetaria. Nel nostro articolo precedente, avevamo già discusso della transizione da un periodo di liquidità abbondante a un ambiente finanziario più restrittivo. Oggi, esamineremo più da vicino i rischi associati al Quantitative Tightening (QT).

tassi d'interesse in rialzo

I Rischi del Quantitative Tightening.

L’inizio del processo di QT nel marzo 2023 da parte della BCE è un’entrata in territorio inesplorato. Questo cambio di direzione comporta rischi notevoli, alcuni prevedibili, altri difficilmente prevedibili a questo stadio, data la novità di questa politica. Un esempio tangibile viene dall’esperimento di QT negli Stati Uniti dal 2017 al 2019. Durante questo esperimento la Federal Reserve ha affrontato episodi significativi di instabilità finanziaria.

Uno degli insegnamenti di questo periodo è che il Quantitative Tigheting, specialmente la diminuzione significativa delle riserve della banca centrale ad esso collegata, può generare episodi di instabilità finanziaria. Nel settembre 2019, la Fed ha temporaneamente perso il controllo sui costi di finanziamento nei mercati monetari a breve termine, evidenziando la sensibilità dei mercati al ritiro della liquidità. Questi episodi di volatilità sono rapidamente rientrati quando si è interrotto il QT, evidenziando la delicatezza della transizione.

Per comprendere appieno quanto QT sia fattibile senza compromettere il controllo sui tassi a breve termine o minacciare la stabilità finanziaria, è essenziale capire la domanda effettiva di riserve della banca centrale. Questo elemento, purtroppo, non è direttamente osservabile, rendendo il processo di calibrazione del Quantitative Tigheting un’impresa complessa.

Un aspetto che richiede particolare attenzione è la possibilità che un QT possa diventare una variabile critica in contesti di guerra. Come vedremo, è essenziale esaminare le dinamiche del Quantitative Tightening in relazione agli eventi internazionali, soprattutto in scenari di conflitto.

5 sfide per la stretta monetaria

L’analisi dei rischi associati al Quantitative Tightening (QT) rivela una serie di sfide importanti che richiedono attenzione e gestione oculata. Mentre la BCE si avventura in questo territorio inesplorato, è fondamentale esplorare ulteriormente le possibili implicazioni e le strategie per mitigare tali rischi.

1. Assorbimento del Rischio di Sovranità.

Uno dei rischi principali è la difficoltà dei mercati nell’assorbire i titoli di Stato rilasciati troppo rapidamente dal Sistema Euro. Questo potrebbe innescare un aumento ingiustificato degli spread tra i rendimenti di vari paesi, portando a una frammentazione dei mercati dei titoli di Stato. Un QT mal gestito potrebbe compromettere la stabilità finanziaria in alcuni paesi, sfidando gli sforzi della BCE per mantenere un orientamento monetario desiderato.

2. Potenziali Implicazioni sull’Unione Monetaria.

La multi-natura dell’area dell’euro e la sua diversificata architettura istituzionale aggiungono complessità all’equazione. Ciò solleva la preoccupazione che gli effetti del Quantitative Tightening nell’area dell’euro possano differire significativamente rispetto a quelli già sperimentati negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada. L’unità dell’unione monetaria potrebbe essere messa alla prova, e un QT scorretto potrebbe portare a risultati non previsti, compromettendo l’efficacia della politica monetaria.

3. Rischio di Sovranità e Finanze Pubbliche.

L’innalzamento degli spread tra i rendimenti di vari paesi potrebbe minacciare la sostenibilità delle finanze pubbliche, aumentando il costo del finanziamento per alcuni governi. Questo rischio è particolarmente significativo per i paesi con rapporti debito/PIL elevati. La BCE deve bilanciare attentamente il desiderio di normalizzare la politica monetaria con la necessità di evitare eccessive pressioni finanziarie su determinati stati membri.

instabilità monetaria

4. Asimmetria degli Effetti di Quantitative Tightening e Quantitative easing.

Come sottolineato in precedenza, gli effetti di QE e QT potrebbero essere asimmetrici. Se il QE ha contribuito a ridurre gli spread tra i paesi, il QT potrebbe portare a un aumento repentino di tali differenze. Questa asimmetria richiede un monitoraggio attento, poiché una drastica variazione degli spread potrebbe sfuggire al controllo, generando instabilità nei mercati finanziari.

5. Il Quantitative Tightening e l’Importanza della Gestione reattiva.

In un clima di incertezza e di potenziali rischi, la BCE deve adottare una strategia reattiva a livello manageriale tale da rispondere prontamente alle sfide del mercato. La flessibilità e la prontezza a modificare la strategia in risposta alle dinamiche del mercato sono fondamentali. La comunicazione chiara e trasparente diventa altrettanto importante, poiché influisce sulla percezione dei mercati e degli investitori.

Conclusioni: Navigare tra le Onde del Cambiamento Monetario.

Il passaggio dal QE al QT rappresenta un capitolo importante nell’evoluzione della politica monetaria. Mentre il QE ha affrontato le sfide della crisi finanziaria globale, il QT si presenta con rischi e opportunità ancora inesplorate dall’Eurozona. Dalla recente decisione di aumentare i tassi d’interesse al contesto internazionale e ai rischi legati alla guerra, è chiaro che il mondo finanziario è in un momento di transizione e adattamento.

Il Quantitative Tightening rappresenta una sfida nel normalizzare la politica monetaria dopo tanti anni di politiche accomodanti. Tuttavia, come ogni transizione, porta con sé rischi e complessità specifiche. La BCE è chiamata a navigare tra le onde del cambiamento monetario, bilanciando la necessità di stringere la politica monetaria con la protezione della stabilità finanziaria e dell’unità dell’area dell’euro. In questo bilanciamento gli analisti esprimono la necessità che la BCE fornisca spiegazioni dettagliate sui rischi connessi al QT, come li gestirà e i potenziali compromessi che dovrà affrontare. Questa chiarezza è fondamentale per mantenere la fiducia dei mercati e per rendere la BCE consapevole delle sue decisioni.

Di giipsy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright© 2023